martedì 28 giugno 2016

Una nuova passione


Oggi vorrei parlarvi di una nuova passione, nuova vita agli arredi!
Sarà capitato anche a voi, di non sopportare più il colore di un mobile, che tanto amavate quando lo avete acquistato, ma col passare del tempo, non sta più bene con il resto del vostro arredo. Bhé, a me è andata così, ero stanca già da un po' di tutto quel ciliegio, infatti tempo fa avevo già provato a cambiarlo.



Ma ancora non mi soddisfaceva. Fortuna vuole che ho scoperto questo gruppo su Facebook. Per mesi ho ammirato i vari lavori postati dai membri, finché un giorno mi sono decisa e questo è il risultato.




Sono vernici fantastiche!! Come primo lavoro ho scelto una cosina un po' impegnativa e faticosa soprattutto per la grandezza, soprattutto la stesura della cera mi ha fatto decisamente sudare, ma la soddisfazione è unica!  
Vi starete chiedendo il procedimento? Ho iniziato stendendo una mano di Ultra Grip sulla superficie pulita, utile come base per fare aderire bene la vernice.


Per il comodino, le maniglie e la struttura del mobile ho passato due mani di Fusion color Chocolate. 
Mentre per le ante del mobile essendo scuro e andando a verniciare con un colore chiaro, ho passato quattro mani, sempre di Fusion ma color Casemente.
E come tocco finale, e faticoso, la cera!


Adesso il problema è un altro... Credo che porti dipendenza! 
Già, perché ho già iniziato un altro progetto.

Questo è il sito dove potete acquistare queste fantastiche vernici:




Buon restyling a tutte!!


giovedì 23 giugno 2016

Comunione Alessia - le bomboniere



Come sempre, fino all'ultimo minuto non avevo idea di cosa fare, ho passato sere intere a uncinettare presine a forma di vestitino per poi cambiare ancora idea. Non so voi, ma io negli ultimi anni sono sempre più "alla vecchia maniera" Frequentando molto la nonna di mio marito, alla quale sono molto affezionata, ho riscoperto le vecchie abitudini del non sprecare, del recuperare, del non si butta via nulla (già ereditata dal mio amato papà). Così ho deciso di creare una bomboniera di "riciclo". Partendo da delle bottigliette del succo di frutta, ho gironzolato un po' su Pinterest in cerca di ispirazioni ed ecco qua il risultato. 



Avendo festeggiato insieme al suo amico Cesare, per le bomboniere abbiamo pensato di farle uguali, ma in versioni differenti. Arancio, con bottone in legno a forma di cuore per Alessia e verde con classico bottone in legno per Cesare. 






Il classico bigliettino è stato sostituito dal tappo che è diventato il biglietto dei confetti, esternamente l'immagine religiosa, internamente i dati dei ragazzi. 


Alessia e Cesare, hanno regalato la stessa versione per le maestre, con classico bottone in legno (altrimenti sembrava un matrimonio) ma senza la coroncina rosario, mentre per i compagni, simpatiche scatolette con confetti colorati.


E giusto per decorare un po' la festa, insieme al buffet, abbiamo allestito una piccola degustazione di confetti, tutto rigorosamente arancione e verde.





Come sempre spero tanto il mio lavoro vi sia piaciuto, ma soprattutto di non avervi annoiato
Se vi fa piacere, seguitemi anche su Instagram, potrete vedere le immagini dei miei lavori man mano che prendono forma.

Un abbraccio

lunedì 20 giugno 2016

Comunione Alessia, gli inviti

Ed è arrivato il giorno della comunione anche per la mia dolce principessa. 
E' stata una bellissima giornata, sole caldo, risate, foto, brindisi e tanta voglia di stare insieme. E' stata una festa per pochi intimi, niente mega ristorante, niente ore intere seduti ad aspettare pietanze, ma un rinfresco a buffet all'aperto. 
E sinceramente, non poteva andare meglio!
E come per il mio ometto Davide, anche per la mia dolce principessa non potevano mancare gli inviti. Le femminucce, a differenza dei maschietti, a questa età, sanno già cosa vogliono, è lei mi ha dato le indicazioni di base per realizzarle: Colore arancione, il calice con l'ostia in copertina! Così mi sono messa subito a lavoro, e questo il risultato:





Come sempre, vi abbraccio forte 


giovedì 16 giugno 2016

Regalo per Nicla


Ancora torte di pannolini, nell'ultimo periodo è un regalo super gettonato. Forse è grazie alla crisi, che ci ha insegnato a risparmiare, a regalare cose utili.


Gli ingredienti per questa torta sono:

  • 56 pannolini 
  • una confezione di salviette umide
  • crema per il cambio pannolini
  • olio per il corpo
  • bagno schiuma
  • simpatica spugnetta a forma di maialino
La ricetta è molto semplice.
Prendi gli ingredienti uno alla volta e li assembli con fantasia e amore.....




... ed il risultato ti stupirà!!





Accompagnala con un dolce bigliettino e stupirai anche chi lo riceverà!


Questa volta, ho voluto presentarvela così. diversamente dal solito.
Spero vi piaccia, e come sempre, vi ringrazio perchè siete ancora qui a leggermi dopo le mie lunghe latitanze.

Un abbraccio

martedì 17 maggio 2016

Piccoli lavori veloci


Questo lavoretto è un po' di tempo che l'ho fatto, ad Alessia è già finita l'euforia, ma ci tenevo lo stesso a farvelo vedere. Vicino a Natale, si era appassionata con la sua compagna a fare balletti con i pon pon visto che lei li aveva. Io sinceramente non avevo voglia di impazzire a cercarli, sapendo che presto sarebbe passata questa mania, così mi sono ispirata all'idea di riciclare. Adoro riciclare, e non pensavo facesse così successo. Alessia ne è stata euforica e orgogliosa mostrava alle compagne i suoi pon pon.

In caso potesse servire, vi spiego brevemente come li ho realizzati:
Procuratevi delle riviste e altro tipo di carte (io ho utilizzato i depliant)
Vi serviranno anche dei vasetti dei fermenti per le manopole

  1. Tagliate la carta e le riviste a striscioline

  
    
 2. Una volta tagliate le striscioline, legatele al centro con dello spago
 3. Prendete il vasetto dei fermenti e praticate due forellini   paralleli



  4. Per finire, infilate le striscioline di carta dentro il vasetto (piegate a metà) e fissate
 ( nuovamente con spago ) questa volta al vasetto.

Spero di essere riuscita a spiegarlo bene, ma in realtà è un lavoro molto facile.
La prossima volta, proverò a preparare un tutorial più preciso.

 



domenica 8 maggio 2016

Storie di gelosie e fratellanza... Storie di MAMMA!!

La gelosia tra fratelli credo sia una tra le storie più vecchie del mondo, una comune realtà di ogni famiglia. Litigate, ripicche, azzuffate, parole che volano che si alternano a dimostrazione di affetto morboso che ti fa dubitare dalla stabilità psicologica dei tuoi figli. Quanto pare, rivalità e competizione sono inevitabili. Probabilmente per loro è comunque un percorso di crescita, di formazione del carattere, un modo per mettere alla prova loro stessi, o semplicemente puro sadismo. Non c'è nulla di più soddisfacente di vedere la propria sorella/fratello crollare in un pianto dal nervoso. Per poi sentire quella stretta al cuore che ti fa sentire piccino piccino e ti ricorda quanto gli vuoi bene. E nel delicato compito di noi genitori, esistono anche queste stressanti situazioni da gestire, perché comunque non è corretto non fare nulla e nascondersi dietro al fatto che è normale, che prima o poi passa...
Perché scrivo questo post nel giorno della festa della mamma? 
E soprattutto dopo mesi di latitanza?
A proposito.... AUGURI Mamme!!!!
Perché mai come nell'ultimo periodo questa situazione di gelosie mi è vicina, e ti accorgi che in realtà non è solo questione di età, va ben oltre. 
Dove sbagliamo? 
Come dovremmo gestire queste situazioni? 
Io ultimamente proprio lo trovo difficile, molto difficile e ho provato molte strategie, seguito molte teorie, e mi sembra sempre di fallire. Inoltre ultimamente, mi è capitato più volte di sentirmi dire che quando sei genitore, qualsiasi cosa tu faccia è sbagliata. Sono frasi che sinceramente hanno un certo peso, perché non le capisci finché non sei genitore. Sai che come Mamma, fai del tuo meglio dal primo istante che senti quel cuoricino battere dentro di te fino al giorno dell'ultimo battito del tuo cuore, vivi per loro, i tuoi figli!!! E sapere che un giorno, tutto questo sarà messo in discussione e criticato proprio da loro, fa decisamente uno strano effetto. Adesso sai che non è facile, sai che ci metti tutta te stessa per essere una brava Mamma e ce la metterai tutta, sempre, qualsiasi età avrà, qualsiasi problema avrà, tu sarai li, perché sei la sua MammaHo visto una donna di novant'anni, una Mamma piangere perché in pensiero per la serenità del figlio quasi settantenne. E devo essere onesta che questa cosa mi ha toccato il cuore, perché quando i tuoi genitori ti dicono che Sarai sempre la loro bambina non riesci a capirlo veramente. Ti infastidisce che non riescono ad accettare che stai crescendo, ma non si tratta di questo, si tratta di ben altro. Tu sei la loro bambina! E ora che sei Mamma... riesci a comprenderlo, quelle parole ora ti fanno solo piacere, perché ora che sei Mamma provi le stesse cose, pensi le stesse cose che un giorno ti infastidivano. E' il cuore che non ti permette di essere diversamente, vivi per loro, le tue preoccupazione sono per loro, i tuoi figli, qualsiasi età abbiano. 
Quindi, quando adesso guardiamo negli occhi stanchi e segnati le nostre Mamme
anche se non ci ricordiamo tutto ciò che hanno fatto per noi, 
anche se potremmo avere da dire la nostra (perché comunque sia si sbaglia)
anche se....
Abbracciamole e ringraziamole perché comunque sono sempre li, al nostro fianco, perché è questo che fa una Mamma!!


Grazie a chi è arrivato fin qui, 
a chi ancora mi legge dopo le mie lunghe latitanze, 
spero presto di essere più presente. 
Per ora vi abbraccio e vi ringrazio