martedì 14 febbraio 2017

Ad un'amica!


Oggi ripensavo alla chiacchierata avuta questa mattina con un'amica. Un'amica che sta soffrendo per sua figlia, si è vero, tutti soffriamo prima o poi per degli errori commessi dai nostri figli, che questi ci coinvolgano o no. Ma sinceramente, mi fa star male pensare a quanto noi genitori facciamo per i nostri figli (si lo so, comunque per loro sbaglieremo sempre. Sono figlia anche io, me lo ricordo) per quanto noi cerchiamo nei nostri limiti di capirli, ma loro purtroppo faticano a capirci. Il problema è che viviamo nello stesso momento, ma diversamente. Loro vivono al cento per cento, cercando di assaporare ogni istante ed ogni situazione. E noi, che prima di loro abbiamo vissuto quelle bellissime età fatte di gioie e dolori per futili cose e non, vorremmo capissero che noi vogliamo solo la loro gioia, evitargli certe sofferenze. Ma purtroppo è inevitabile, l'unica cosa è cercare di ricordargli quando siano importanti per noi. Non saranno mai la nostra copia (e per i miei dico...per fortuna 😂) ) faranno le loro scelte anche se contro le nostre ideologie, ma quel che si dice è vero, i figli non ci appartengono, ma credo che siamo noi che dal primo istante che il nostro sguardo incontra il loro perfetto visino, fino al nostro ultimo respiro... Apparterremo sempre a loro!

 Dada2017

lunedì 13 febbraio 2017


Alla fine ci si abitua a tutto persino al vuoto lasciato dalle persone care delle quali mai avresti potuto immaginare di vivere senza. Eppure se ti soffermi a pensare ti chiedi perché? Perché devo per forza accettare certi compromessi, a me non piace vivere così. E allora scoprirai che la forza la trovi nel sentimento che ti unisce a qualcun altro o addirittura a quella stessa persona. Scopri, ma già lo sapevi, che in realtà a te non piace il rancore, che ciò che ti ha portato a questa realtà era un sentimento vero e non importa come sia finita, tu sei così. E se anche questa distanza, questa "finzione" perché é così che la vivi, perché a te non ti appartiene il far finta di nulla, ma sei più quella dei chiarimenti e dalle lunghe chiacchierate, va bene lo stesso. Perché tu, nonostante tutto continui a rispettare chi comunque, forse involontariamente, ti ha ferito e soprattutto ha ferito chi ami!
Dada2017

martedì 24 gennaio 2017


Che brutta quella sensazione di impotenza quando credi di aver fatto grandi passi e invece ti accorgi che si, qualche passo lo avete fatto, ma la strada è ancora lunga! Pensa, piangi, arrabbiati, ma poi asciuga le lacrime e rialzati guardando quei piccoli passi e riflettendo su quanta fatica avete fatto per farli. E non importa se la strada è ancora lunga, ne quanta fatica dovete ancora fare, la meta quando meno te l'aspetti sarà lì e quel giorno potrai esultare perché ti sentirai finalmente cresciuta insieme a lui. Lui, che da te dovrebbe imparare, quel giorno ti accorgerai che ti ha insegnato davvero a non mollare! 
Dada2017

lunedì 23 gennaio 2017

A volte, anzi quasi sempre le persone non fanno ciò che noi vorremmo, ma sta proprio qui la sfida, amarle e accettarle per quello che sono. Purtroppo ci aspettiamo cose che noi faremmo, e quando non le riceviamo ci sentiamo delusi, traditi, amareggiati, ma è proprio quello il momento di scavare nel nostro cuore e capire quanto è importante per noi quella persona, quanto teniamo a quel rapporto... O è più importante il nostro orgoglio? Ci sono situazioni nelle quali non si tratta di "abbassare la testa" ma di alzarla e affrontare la situazione. Di smettere di giudicare, ma di mettersi in discussione, possiamo aver sbagliato anche noi. Vogliamo continuare a star male, rassegnandoci che quella persona ci ha ferito, o è meglio cercar di capire il perché? Bhe io non accetto, cerco di capire e quando non ci riesco chiedo. Sono debole? Non credo, io direi semplicemente che sono umana!
Dada2017


lunedì 2 gennaio 2017

Un nuovo anno è iniziato

Benvenuto 2017!

Quest'anno non voglio scrivere la solita lista dei buoni propositi, anche perché realmente non è che ne abbia e soprattutto nell'ultimo periodo riesco a metterne in pratica decisamente pochi. Guardando indietro nel vecchio anno, sinceramente poche cose custodirò nel cuore. I piccoli gesti ricevuti e dati senza secondi fini, le persone che hanno voluto esserci davvero e non per apparire agli occhi di qualcun'altro, ma semplicemente per esserci. Gli affetti consolidati, dove non servono parole. Il caffè con la mi cara amica, le nostre chiacchiere e i nostri insuccessi condivisi senza il timore del giudizio. Le parole di conforto di un'altra amica che anche se non vedo più tutti i venerdì sera, so che ci sarà sempre ed io per lei.  
Siamo di passaggio ricordiamocelo!

Quindi se realmente teniamo a qualcuno e la sua assenza ci fa star male, mettiamo da parte orgoglio e prendiamo il telefono. Macchine, case, vestiti, soldi...nulla è più importante degli affetti. L'importante è riconoscere quando sono sinceri, quando sono feriti e spetta a noi ricucirli. Non facciamo sempre le vittime, alziamoci e lottiamo per ciò a cui teniamo davvero. Se andrà male potremo dire di averci provato. E a quel punto capiremo chi vuol esserci davvero. Mi sono accorta che la vita ci mette sempre alla prova, che siamo convinti di sapere sempre cosa faremmo e come in certe situazioni, ma in realtà la maggior parte delle volte, ci sentiamo persi di fronte a situazioni particolari. Probabilmente perché stiamo vivendo in un periodo (forse vale solo per noi che viviamo in grandi città) dove viviamo sempre di corsa, stressati dagli impegni, non lo so... Guardando indietro in quest'anno appena salutato, posso dire che di cose ne sono successe. È stato un anno ricco di cambiamenti cominciati ancora prima che iniziasse. Non importa cosa in particolare, ma grazie ad essi ho capito la donna che voglio continuare ad essere. Ho sempre seguito il mio cuore, e voglio continuare a farlo, ma non voglio più stare al secondo posto. Mi sono sempre fatta in quattro per le persone che ritenevo importanti, per quelle persone alle quali credevo bastasse il mio affetto. No, non voglio scrivere di delusioni delle quali si trovano migliaia di link su Facebook, ma voglio scrivere di me. Io sono una persona che non riesce a non seguire il cuore, che non tollero un'ingiustizia devo sempre difendere chi la subisce, che non sono capace di portare rancore, che non ho bisogno di mille parole... Basta esserci! Ed io ci sono per chi custodisco nel cuore. Potremmo non sentirci per mesi, ma se mi conosci davvero, sai che io ci sono e ci sarò sempre. Ma in quest'anno mi sono accorta che in realtà ciò che per noi è normale, non lo è per gli altri, persino persone che credevi di conoscere, persone per le quali non avresti mai avuto dubbi. Invece mi sbagliavo! Io ho sempre sostenuto l'importanza di parlare, di non dar per scontato nulla, e continuo a crederlo. Quindi mi chiedo perché certe persone, piuttosto che prendere il telefono e parlarti, si ammazzano di seghe mentali, arrivano a conclusioni assurde e giudizi che se in realtà ti conoscessero non penserebbero mai. E per questo, quello che vorrei per questo nuovo anno è vivere con la serenità più assoluta. Basta mettere prima gli altri di me stessa, basta continuare a sperare che gli altri la pensino come me, basta fare ciò che gli altri vorrebbero. Bastaaaa! Basta veramente poco per vivere serenamente. Basterebbe non essere egoisti, basterebbe chiedere scusa se si sbaglia, basterebbe chiedere, parlare, ascoltare... Siamo tutti bravi a fare le vittime, a sentirci subito traditi, ma in pochi in realtà sono capaci di mettersi in discussione, di ammettere di aver sbagliato. Ho visto rapporti distruggersi in pochi istanti, tenuti insieme da falsi discorsi che nessuno è stato capace di ascoltare e soprattutto continuare... sperando che il tempo rimargini le ferite come se fossero sbucciature come da bambini per le quali bastava un cerotto ed aspettare che cicatrizzasse. Ma ci sono cicatrici che non guarisco così e le parole non dette sono le peggiori. Quindi amate, rispettate e rispettatevi perché un'altra cosa che ancora non abbiamo capito è che non siamo eterni e che tutto questo un giorno ci sembrerà così stupido. Solo a certe malattie non c'è soluzione, tutto il resto si può risolvere. L'importante è seguire il cuore! Il mio augurio per me e per le persone che amo è proprio questo.... Serenità! 



sabato 31 dicembre 2016

Piccoli pensieri

Questo è sicuramente l'ultimo post di quest'anno. Volevo mostrarvi gli ultimi lavoretti di questo 2016, piccoli regalini di Natale. Un po' in ritardo lo so, ma spero tanto possano essere di ispirazione per il prossimo.


Questo lavoro mi è stato commissionato da una ragazza che ha un centro estetico, 
voleva regalare alle sue clienti qualcosa di personalizzato e semplice.


Così ecco delle mollette chiudi pacco, ferma carte...
 decisamente personalizzate con nome del negozio e farfalla applicata
 che è il logo del negozio.





Piccola confezione con due farfalline di gesso profumate, sempre con augurio personalizzato







Gessetto profumato a forma di bottone, piccolo pensiero per una persona importante




Ancora gessetti profumati a forma di bottone nelle varie misure.
Richiesta di una cliente come regalo per le sue colleghe 



Ancora gessetti profumati di diverse forme e misure.
Richiesta di un cliente come regalo per le sue colleghe 




E infine, la mia preferita... Chiave con lucchetto a forma di cuore
Piccolo pensiero


E quest'anno i regali, li ho accompagnati con dei biglietti personalizzati
.... e profumati!!